Mai avrei pensato che l’articolo di agosto sarebbe andato così.

Mi immaginavo di dare spazio ad un po’ di frivolezza e voluttuosità, inneggiando al trionfo dei sensi tra sole e mare, o a quel richiamo un po’ selvaggio che grazie alle vacanze ci permettiamo di seguire.

E invece no, non scriverò di tutto questo perché negli ultimi giorni ho un peso sul cuore che non posso ignorare: la situazione in Afghanistan. 

Non entrerò nel merito di analisi geopolitiche e strategiche, eviterò di dire la mia opinione sulla gestione di questo ventennio (e non solo…) delle forze internazionali in quell’area, perché il punto su cui vorrei richiamare la tua attenzione è un altro.

Come ben sai, ora, il rischio più grande è che i progressi fatti negli ultimi anni, specialmente per l’emancipazione e l’empowerment femminile, vengano cancellati in un attimo come una scritta sul bagnasciuga, come se non fossero mai esistiti.

I diritti umani fondamentali di donne, bambine e minoranze varie, rischiano di essere distrutti, calpestati, annientati, rigettandole sotto un regime di terrore, schiavitù e violenza di uno tra i peggiori sistemi maschilisti e patriarcali di tutto il pianeta.

donne con burka

Tu cosa puoi fare in tutto questo (oltre a sostenere organizzazioni SERIE che lavorano con e per le donne afgane)?

Onorare il debito che hai con la vita che ti ha fatta nascere in questa parte di mondo. 

Sii grata per ciò che hai e rivendica fortemente i tuoi diritti, tu lo puoi fare! 

  • Onora il tuo corpo che non ha costrizioni di costumi e (presunta) morale; 
  • onora la libertà che hai nel vivere le tue scelte, la tua sessualità, il tuo benessere psicofisico; 
  • onora il tuo desiderio che è libero (se non lede te stessa e gli altri); 
  • onora tutte le possibilità che hai e che dai per scontate perché nessuno le ha mai messe in discussione;
  • onora i tuoi pensieri, le tue idee e i tuoi progetti perché qui possono trovare spazio e fiorire;
  • onora i tuoi punti deboli, perché tu hai l’opportunità di migliorarli;
  • onora i tuoi punti di forza, perché tu hai l’occasione di nutrirli;
  • onora il tuo essere donna qui, perché altrove, purtroppo può essere letale.

Onorati, lo devi a te stessa, lo devi alle nostre sorelle afgane.

Claudia – Il Punto C

 

foto:Foto di Agnese Lunecka da Pexels