Dov’è il Principe Azzurro?
Continuo a guardare verso l’orizzonte ma non ne vedo traccia.
Forse gli si è azzoppato il cavallo e ha dovuto fare una sosta….
Mah…

Questo pensavo un anno fa, quando ero in vacanza in Egitto.
E davvero avrei voluto un principe azzurro che mi rapisse l’anima e mi facesse sentire la bella principessa delle favole.

Però mi sono anche detta che non potevo passare il tempo ad aspettare il principe azzurro. Era tempo sprecato, rubato al resto della mia vita.

Così ho smesso di pensarci e sono andata avanti : ho lavorato, mi sono divertita con le mie amiche, ho passato dei bei periodi con le mie figlie, ho conosciuto nuovi amici….

Ho anche passato molto tempo da sola per smaltire il veleno accumulato in pessime relazioni con uomini e amiche sbagliati.

Ho riflettuto molto ed ho capito che non voglio più accontentarmi né con gli uomini, né con le amiche.
Voglio relazioni vere e non importa se ho intorno poche persone, ma le voglio buone per me.
Basta gente ipocrita e falsa.

In tutto questo riflettere ho considerato anche il fatto che probabilmente non avrei mai più trovato l’amore. Inteso come l’amore di un uomo.
Perché ero proprio stufa degli uomini e dei loro comportamenti.

Ed è proprio vero che le cose arrivano quando non le cerchi.
Infatti, dopo che mi ero messa l’anima in pace ed il cuore in pensione, ecco spuntare Lui.

Non so come è successo, ma ho subito capito che sarebbe stato importante nella mia vita.

Cioè, tutti gli stereotipi che avevo sempre disprezzato e a cui non davo credito, si sono realizzati.
No, vabbè, mi sono detta, sei da troppo tempo una zitellona gattara e quindi ti illudi!

Ma è tutto vero: Lui è il mio amore ed io sono il suo. Lui è gattaro come, e più di me. Lui piace alle mie figlie ed alle mie amiche e viceversa.

Quindi mi devo segnare in agenda di non sottovalutare le storie classiche a lieto fine, di non disprezzare i principi azzurri e di aprire una bottiglia di quello buono per brindare all’amore.
Cincin
LaVanda