Oggi parliamo di amori estivi.
Perché in estate una delle cose più tipiche, insieme all’anguria, alle vacanze, alle code per arrivare al mare, ci sono gli amori estivi.

Ma perché “estivi” e non “autunnali” o di altre stagioni?
Sicuramente perché l’estate è la stagione della leggerezza, delle vacanze e quindi si presta di più alle cotte o agli incontri che durano lo spazio di una vacanza o di una stagione.

In realtà io non sarei la persona più adatta a parlarne, visto che non ho mai avuto amori estivi, né avventure vacanziere.
Intendiamoci, non è che sono santa LaVanda, ma non mi è mai capitato e se vedo un accenno di interesse estivo, mi chiudo a riccio.
In vacanza sono così asociale che rivolgo la parola solo ai miei familiari.
Simpatica come la sabbia nelle mutande, quindi non faccio testo.

Ma ne parlo con le amiche, ne leggo e quindi ne traggo riflessioni ed impressioni.

Intanto bisogna distinguere tra amori che durano il tempo delle vacanze e amori che poi si rivelano resistenti al cambio di stagione.
Quelli fugaci sono dovuti soprattutto allo stile di vita più rilassato e spensierato dell’estate. Anche se non siamo in vacanza  viviamo in modo diverso dalle altre stagioni.
Quindi siamo più sensibili alle attenzioni di chi ci fa gli occhi dolci.

Poi dipende anche se siamo già impegnate, come lo siamo, se cerchiamo distrazioni o conferme del nostro appeal.
Insomma ci sono varianti che influiscono sul nostro cervello e sul cuore.
In pratica siamo in balia dei nostri organi.

Gli amori che diventano vere relazioni e durano più di un’ estate sono diversi per le motivazioni che vi portano ad essere attratti da una persona, ma a volte iniziano come amori estivi per poi evolvere in amori duraturi.
Però sono l’eccezione che conferma la regola.

Leggendo vari articoli di esperti amorologi (c’è sempre qualche espertone per ogni argomento, sappiatelo!) , ho capito che non bisogna asciugare l’anima del nostro amore estivo con dubbi e richieste di amore eterno, bisogna essere pronte ad un addio definitivo entro fine estate e soprattutto bisogna usare precauzioni durante il sesso per evitare malattie e quant’altro.
E quest’anno, new entry, bisogna usare le mascherine ed i disinfettanti per le mani.

Quindi non ci illudiamo che una storia nata sotto l’ombrellone si trasformi in qualcosa di diverso da un’avventura.
Dobbiamo vivere il momento senza pensare al futuro e a cosa succederà una volta finita la vacanza.

Cerchiamo di non avere troppe aspettative, perché altrimenti potremmo rimanere deluse e starci male.
Queste sono, a quanto pare, le regole base per vivere un amore estivo e spensierato.

Ecco, ancora una volta capisco che questo tipo di relazioni non fanno per me. Verrei lasciata alla velocità della luce.
Quindi non so quanto valgano questi consigli, fate un po’ voi….

Io mi limito a mettermi da parte a guardare prendendo appunti.
Con un bel Mojito a rinfrescarmi.
Cincin
LaVanda