“6 gradi di separazione” Come il film. Lo ricordate?

Parlava di una teoria che sostiene che ognuno di noi è collegato agli altri da un massimo di 6 differenti persone. Cioè se incrocio uno sconosciuto, passando attraverso un massimo di 6 conoscenti, abbiamo in comune qualcuno che conosciamo entrambi. E questo in ogni parte del mondo.

Sembra complicato ma non lo è, almeno, mi pare.

Mi è venuto in mente quando ho letto le regole del DPCM (boh…) per la Fase 2 dell’emergenza Covid19. Si possono incontrare congiunti e parenti fino al 6° grado. E ho pensato che quindi posso incontrare tutti i miei conoscenti. Se è vera la teoria dei 6 gradi di separazione, sicuramente posso farlo.

Vi immaginate se mi fermano per un controllo? Spiego che sto andando a trovare un’amica che tramite altri giri e gradi di separazione, sicuramente è mia parente. Magari mi rimandano a casa con le pive nel sacco e alleggerita di 300 euro. Magari invece no.

Li stordisco di spiegazioni sui 6 gradi di separazione, che uniti ai 6 gradi di parentela, formano una addizione universale e la congiunzione di Marte e venere nel segno dell’acquario, con l’influenza dei pesci (avranno mica il Covid19?), dimostra che la parentela, effettivamente, c’è.

“Suvvia agenti, siamo tutti cugini, beviamoci un bicchiere e mangiamo una fetta di salame (chiaramente senza togliere i guanti) e andiamo in pace.

Potrebbe funzionare.

O potrebbero pensare che il bicchiere l’ho già bevuto moltiplicato per la bottiglia intera. Mah, noi italiani abbiamo molta fantasia e sappiamo ingarbugliare bene le situazioni.

Comunque, un altra cosa che mi è venuta in mente leggendo le regole per la Fase 2 è questa:
Non ho assolutamente idea di come calcolare i parenti fino ad arrivare al 6° grado. Quindi immagino che siano parenti che io non sappia di avere.

E allora non è meglio che io veda una delle mie amiche, che almeno le conosco? Cioè, ma vi pare? Posso vedere parenti mai visti in vita mia, ma non l’amica che ho sempre frequentato? O il trombamico, che sicuramente conosco meglio dei parenti di 6° grado?

Boh, mi pare un po’ un ‘ingiustizia.

Ho capito che la vita è piena di ingiustizie e ci mette alla prova. Ma possiamo gioire perché quando passeremo a miglior vita, potremo conoscere i parenti fino al 6° grado e magari scoprire che con alcuni di loro eravamo già amici senza saperlo.

Dai, ora metto la mascherina e i guanti e vi saluto con un brindisi virtuale.
Cincin
LaVanda