Amiche, amicizia, senso della vita e sorellanza. Gratitudine, voglia di riscatto, pulizia interiore e dell’armadio, rimessa a nuovo.
Che cosa sono?

Frasi, parole, concetti, niente di che.

“Ecco che è partita un’altra volta per la tangente con i suoi voli pindalici la Catia.”

No. Vabbè forse. No assolutamente no.

Sono parole, frasi, concetti che da qualche tempo sento e leggo. Leggo dovunque ma soprattutto sento attorno a me.

Amiche e amicizia: bella li vero? Ci starebbe come usa tra i ragazzi un “bella zia” ma sono di una generazione diversa e pertanto la penso ma non la dico.

Ieri ero ad un corso di quelli tosti in cui il formatore ti tiene incollata alle slide e alle sue parole per otto ore consecutive senza farti sentire fame, sete o la pipì e, indovinate, durante la pausa faccio quattro chiacchere con un pò di persone sedute attorno a me.

Si parla di cosa? Dai vediamo se indovinate.

Di Amicizia, quella con la A maiuscola e di amiche.

Alla nostra età, mi racconta una, credevo fosse impossibile fare nuove e soprattutto profonde amicizie.
Ah, una precisazione, per “alla nostra età” sta per dopo i quaranta.

Le rispondo:

“Perchè? Per quanto mi riguarda sto conoscendo e trovando più persone amiche a questa età che non in passato. Fosse solo per il semplice motivo che so, più o meno certo, chi e cosa sono e magari ho imparato a dar retta alla vocina che mi dice “fai attenzione”.

Si, si lo so che mi state dicendo che ogni tanto alla vocina non do retta ma, uffa dai!

Le amicizie fatte in età adulta sono più salde e profonde. Oserei dire anche senza fronzoli. Le amiche incontrate in età adulta, sempre se si da retta alla vocina, sono le migliori.

E fidatevi una buona volta.

Pulizia dentro e fuori. Altro concetto che ultimamente esce da qualsiasi parte: libri, giornali, internet, discorsi.

Non vuol dire fare la polvere a casa o tenere ordinato il cassetto dei coperchi no no. Significa fare pulizia di cose accumulate, buttare tutti quei vecchi giornali che abbiamo in un angolo e che dobbiamo ancora leggere.

Fare a meno del superfluo fuori e dentro, di pensieri negativi tipo”non sono capace”, piuttosto che “sono sfortunata” o ancora “a me non capiterà mai” o peggio “sono sfigata”.

Certo se questo è il mood con cui ci alziamo la mattina davvero non capiterà mai. Accidenti! Come facciamo ad avere il nostro riscatto di vita a cinquant’anni se pensiamo di essere sfigate? Ci siete? Bisogna fare un bel click al cervello.

“Certo perchè tu invece”. E che dobbiamo mettere per forza il dito nella piaga? Ammetto di essere un tantino in ritardo sulla tabella di marcia che mi ero prefissata ma non demordo.

Per ora il concetto di amiche e amicizia l’ho realizzato, sul senso della vita ci sto lavorando da una vita ma è un pochino più complesso ma finchè c’è vita c’è speranza.

Per tutto il resto c’è non la carta di credito famosa della pubblicità ma finalmente NoiAmiche e i suoi eventi. Tutto grazie ad un’amicizia nata in età adulta e alla nostra voglia di sorellanza e riscatto personale.

Vuoi vedere che forse sono sulla strada giusta? Ho proprio idea di si. Accidenti! Whuau, sono più leggera adesso e mi sento davvero fortunata.

“Si ok, adesso smetti di fare gli occhi da triglia e lavora”

E’ la vocina che mi parla e mi dice che devo lavorare alla locandina del prossimo evento.

A proposito voi ci sarete tutte vero?
Catia.