Ultimamente mi sono intrippata con il mercatino dell’usato di Facebook.
È una roba pazzesca, vendono di tutto, ed io mi diverto a guardare tutto quello che la gente ritiene adatto per la vendita.

Ho visto cose che voi umani neanche immaginate.

Ho visto annunci di mobili di ogni genere e di ogni età (nel senso che c’era roba nuova, ma anche roba vecchia, mezza rotta e sporca da far schifo), annunci di oggetti fai da te veramente orrendi, ho visto annunci di cose nuove e ancora impacchettate.
Insomma di tutto.

C’era un annuncio in cui si vendeva un mobile nuovo con la motivazione “regalo non gradito”.
Io, come al solito, faccio voli di fantasia e comincio a pensare : chissà chi regala un mobile a qualcuno che non lo gradisce? A me non hanno mai regalato mobili. Una lavatrice si, conta come mobile? Ma a me piaceva, quindi non era un problema.
Magari un fidanzato alla morosa che vive da sola, pensando di farle cosa gradita. O un genitore impiccione al figlio con la casa quasi senza mobili. O una coppia che ha comprato i mobili per il nido d’amore e poi ha cambiato idea e si è lasciata.
Può essere qualunque cosa. Mi piacerebbe sapere le motivazioni per ogni oggetto in vendita, secondo me ci sono storie interessanti da sentire.

Io scriverei ai proprietari degli annunci solo per sapere. Ma so che non mi direbbero niente e mi direbbero di non scocciare.

Ho iniziato a cercare su marketplace perché voglio arredare il balcone e cercavo qualcosa che non mi costasse uno sproposito.
Ho trovato sdraio di legno rotte (basta un po’ di colla), interi arredi da bar, tonnellate di pallet per l’arredo fai da te e divani in pallet già fatti (il più economico a € 100), poltrone di plastica macchiate dall’incuria a 40 € l’una (bleah).
Insomma un mondo intero.

Nella sezione “varie” ho visto un annuncio che non diceva cosa vendeva, ma nella foto c’era una tipa mediorientale con abbigliamento arabeggiante.
Mi chiedo se vendono la donna, i suoi servigi o il vestito.
Non ho proprio capito.
Poi ci sono gli annunci scritti in arabo e foto di quelli che sembrano barattoli di cibo. Forse vendono cibo del loro paese, o chissà che altro…

Guardo i prezzi dei vari annunci e mi rendo conto che pochi hanno idea del reale valore di ciò che vendono. Danno agli oggetti un valore sentimentale. Che di solito è parecchio più alto del valore reale.

Ho visto un annuncio in cui vendevano un auto e nella foto si vedevano solo i sedili. Cioè ma almeno fammi vedere la carrozzeria!

Su un annuncio vendevano una piastra per fare i waffle, spoca e incrostata e c’era scritto “prezzo poco trattabile”… Che significa? O è trattabile o non lo è. Mah….

C’era un tappeto lurido e l’annuncio diceva:in buone condizioni, basta una passata di aspirapolvere.
Cioè io non ho parole!

Ho trovato un portaoggetti da bagno tutto arrugginito che veniva definito “anni ’50”.
Che bugia! Ne avevo uno identico comprato negli anni’ 90.

Comunque mi chiedo: ma se volessi trovare una persona, un uomo da frequentare, potrei mettere un annuncio su marketplace?
Tipo: “Cerco uomo stagionato, ma non vecchio, simpatico, docile e che sappia tenere casa pulita.
Scambio con aspirapolvere in ottimo stato o con asse da stiro.”
Che ne dite, qualcosa trovo?
Forse no, ma mi piacerebbe vedere se qualcuno risponde.

Per ora mi limito a guardare gli annunci assurdi, che è gia divertente.
Cincin
LaVanda