Altro che le ragazze di Sex&the City

Le ragazze di Sex & the City a noi quattro amiche ci fanno proprio un baffo. Non le vogliamo emulare per carità, non sono più i tempi , né abbiamo l’età o lo stato civile per farlo ma, accidenti, la pianificazione di un weekend lungo tra amiche è una benedizione che arriva dritta dritta dall’universo.

Incredibile come le cose che avrei voluto fare da ragazza e alle quali, per mille ragioni, ho dovuto rinunciare, oggi che, a detta di tanti ma per fortuna non di tutti, sarei una quasi “attempata signora” riesco a realizzare.

Ecco quindi che un’idea buttata li, della serie, “mi piacerebbe vedere Matera, non ci sono ma stata” sta per diventare realtà.

Dopo aver letto l’articolo di Mirella qualche tempo fa, la sua descrizione dei sassi e degli angoli più belli mi ha preso un languorino, una di quelle voglie che un tempo sapevo di non poter accontentare e che facevo passare con pane, tanto e tanta nutella. Una cosa che oggi, alla mia età, non posso più permettermi per ovvie e certificate ragioni.Parlo del pane e nutella ovvio.

E Matera sia

Poi ci si mette l’universo che quando vuole ascoltare pare proprio che lo faccia davvero e anche molto benetanto che si è deciso che si, sarebbe cosa buona e giusta regalarmi quel weekend.

Incredibile come poi come ogni cosa si incastri alla perfezione con eventi più o meno casuali. Dalla telefonata con la mia amica Antonella che “sai abbiamo deciso di fare un we a Matera con Monica per fine settembre. Perché non vieni anche tu? Poi lo chiediamo anche alla Mirella” al mio saltare dalla sedia dicendo “ma dai, ma non ci credo era un pò che ci volevo andare e per quest’anno per ragioni di lavoro più dei 10 giorni prenotati al mare per luglio non mi posso allontanare da Milano.”

Trovata la data

Ma per un we il tempo si trova. In fondo non si “ruba” nulla al lavoro e per la famiglia basta in fondo un minimo di organizzazione:rfigo pieno e cibo per i gatti a portata di zampa. Certo bisogna trovare un fine settimana che vada bene a tutte. Incastrare figli, lavoro, cani, gatti e mariti per quattro non è semplice ma ce la sia può fare.

Ed è così che una domenica bollente di giugno, apatica e lenta si trasforma in un divertente intermezzo fatto di “call conference” a quattro piena zeppa di risate e doppi sensi.

Quattro ragazze milanesi che pianificano

In fondo siamo quattro ragazze adulte e abituate a gestire lavoro e privato, a incastrare tutto fin nei minimi dettagli e difatti tempo 20 minuti ci troviamo con i biglietti del volo fatti e gli spostamenti pianificati.

Ovvio solo la parte più importante: aeroporto, Matera e poi due giorni di mare che a fine settembre ci stanno giusti giusti.

E aggiungiamoli due giorni di mare no?

Non era solo un we? Certo un we lungo altrimenti che we tra amiche sarebbe? Ci abbiamo fatto stare anche un paio di giorni di mare. Potremo godercela in santa solitudine e pace, non farà più caldissimo e nessuno farà caso alla bottiglia di minerale che ci passeremo tra capelli di paglia eparei colorati. Bottiglia di minerale?

Santo cielo mica vi posso dire tutto e che cammufferemo dell’ottimo prosecco con una bottiglia anonima per non dare nell’occhio. Peccato mortale? Eh vabbè ma avete presente le chiacchiere inutili della gente el vedere 4 fifty milanesi scolarsi una bottiglia di prosecco in spiaggia?

Noi non vogliamo che la gente mormori, vogliamo che si faccia gli affari suoi che ai nostri ci pensiamo noi.
Ah, non vedo l’ora. Per ora buona domenica.

C.